Varato il Codice dell'ambiente

Varato il Codice dell’ambiente

Fonte Il Sole 24 Ore



Settecento pagine, 318 articoli, 45 allegati: sono i numeri del Codice dell’ambiente, varato oggi dal Consiglio dei ministri.

Un decreto legislativo che, secondo il ministro dell’Ambiente Matteoli, semplifica, razionalizza e riordina la normativa ambientale esistente in sei settori chiave: rifiuti e bonifiche, acqua, difesa del suolo, inquinamento atmosferico, procedure ambientali e danno ambientale. Di parere opposto il presidente di Legambiente Roberto Della Seta. «Questo codice dell’ambiente, fortemente voluto dal ministro Matteoli e dal suo capo di gabinetto – dice Della Seta – é un’operazione scandalosa, nella forma e nella sostanza. La conferenza unificata Stato-Regioni aveva espresso parere contrario, ma il suo giudizio é stato ignorato, nonostante le materie in questione siano fondamentali per il governo del territorio. Il fatto é grave e mina le stessa legittimità costituzionale del provvedimento. Questo nuovo codice é addirittura pericoloso per l’ambiente. Senza semplificare minimamente le procedure, smantella norme avanzate in materia di rifiuti, acque, dissesto idrogeologico, danno ambientale, Via, Vas e inquinamento dell’aria».